4 Comments

  1. Luca Galli
    June 27, 2018 @ 10:13 am

    – IBMi scalabile: solo parzialmente in quanto NON parallelamente…
    – IBMi sicuro: falso, sicurezza basata solo sull’ignoranza e sul fatto che non viene mai messo online…. tant’è che telnet è un protocollo in chiaro…
    – IBMi affidabile: ridicolo… con quel che costa non è neppure lontanamente paragonabile a server linux in load balancing… Anche una bicicletta è affidabile se ci si limita a fare il giro dell’isolato.
    – IBMi moderno: falso come Giuda… non ha un server grafico, le release di java, node.js, ecc sono sempre vecchie, non produce cultura (obbligo di utilizzo di DB2-400 ed RPG… impensabile sviluppare in altri linguaggi…), integrazione col mondo esterno (webservices, strumenti di campo) è un suicidio (anche rivolgendosi al santone Scott Klement), documentazione online pessima, non ha concetti di sviluppo condiviso del codice, versioning, integration/unit tests, SQL con un proprio “dialetto”, database LENTO rispetto a qualunque altro…
    – IBMi compatibile: è forse la cosa peggiore, non spinge all’innovazione…codice vecchio di 40 anni gira ancora oggi… follia.

    Piuttosto:
    – Costosissimo basato solo su licenze di ogni tipo… (anche solo accedere al proprio database dei propri dati con Node, GO… richiede ulteriore licenza….)
    – Favorisce vendor-lockin (mamma IBM tiente tutti al guinzaglio)
    – Ovviamente non si insegna nelle università
    – Stravolge nomenclature come file e librerie
    – il 99% dei consulenti “informatici” non hanno competenze informatiche di alcun tipo, a malapena sanno cosa sia un dhcp…
    – Performance pessime rispetto a macchine che costano un decimo

    La triste verità è che ci sono interessi economici troppo grandi, corruzione da parte dei responsabili IT e delle aziende che danno “servizi” su IBMi…

    Reply

    • Alberto Bedin
      June 27, 2018 @ 12:17 pm

      non posso star qui a risponderti punto su punto perchè noi nel mondo IBM power non abbiamo tempo da regalare in consulenze
      quello che scrivi sono solo sciocchezze basate su una totale ignoranza e prevenzione nei confronti di Power IBM

      Reply

      • Luca Galli
        June 27, 2018 @ 4:02 pm

        Eh non avete tempo perchè per fare una cosa che in altri sistemi si fa bene, con poche risorse, con poco sforzo, bassi investimenti e con risultati ottimali (ergo alto rendimento), Voi di IBM coinvolgete uno stuolo di consulenti per fatturare anche i minuti che impiegate per parcheggiare l’auto…
        Qui si giustifica la B di business in IBM….
        Bando alle polemiche, La Sua “risposta” conferma le mie (inconfutabili) affermazioni, nonchè le Sue incompetenze al di fuori di IBM… nulla di nuovo ovviamente, in puro stile IBM.
        Dovrebbe tenere presente due cose “dall’alto” della sua “professionalità”:
        1 – è buona educazione dare del “lei”;
        2 – “non posso rispondere” o “sono solo sciocchezze” sono affermazioni tipiche da ragazzini delle scuole medie;

        Saluti.

        Reply

        • Alberto Bedin
          June 27, 2018 @ 4:29 pm

          se LEI si documentasse meglio anche sui miei POST
          scoprirebbe che quelle che per LEI sono inconfutabili affermazioni
          sono sbagliate nel modo più assoluto
          e mi spiace dirlo denotano una posizione più dilettantesca che professionale, per questo mi sono permesso di darle del tu
          ma non lo dico come esperto di IBM power, ma anche come esperto informatico a 360°:
          infatti noi sviluppiamo su tutte le piattaforme Linux, windows in PHP e .NET e NOSQL

          oltre che sulla piattaforma IBM power che non teme alcun confronto, ma proprio nessuno
          quando avrò tempo le risponderò punto su punto se le fa piacere

          Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

20 − 1 =